Alcuni cristiani si identificano come arminiani, altri come calvinisti e alcuni come calminiani (enfasi aggiunta). Ma ci sono anche tanti cristiani che evitano ciascuna di queste etichette, senza avere un nome per ciò in cui credono. Direi che alcuni sostengono la Grazia Gratuita (Free Grace), senza saperlo.

Grazia Gratuita (Free Grace) è un termine relativamente nuovo, ma la sua teologia non lo è. Non è né calvinista né arminiana, ma conservatrice. Ha una visione elevata della Scrittura e supporta la predicazione espositiva e l’evangelizzazione. Ci sono molti che si dichiarano apertamente appartenenti alla Grazia Gratuita, come il Dr. Earl Radmacher, ma molti altri che lo sono essenzialmente nella loro dottrina senza chiamarla così, come il Dr. Charles Stanley.

Mi piace introdurre la teologia della Grazia Gratuita esaminando Giovanni 3:16. È uno dei versi più famosi della Bibbia e molti cristiani lo sanno a memoria. Tuttavia, ho scoperto che pochi credono davvero a ciò che Gesù promette lì.

Ecco Giovanni 3:16, suddiviso in cinque sezioni, ognuna delle quali contiene una preziosa verità:

Perché Dio ha tanto amato il mondo / che ha dato il suo Figlio unigenito / che chiunque crede in Lui / non perisce / ma ha la vita eterna.

Esaminiamo il versetto, sezione per sezione.

1. Una motivazione divina

Il Signore ci parla di ciò che ha motivato Dio: Dio ha tanto amato il mondo. Si penserebbe che ciò sia abbastanza chiaro e privo di controversie. Dio ama tutta l’umanità senza eccezioni. Tuttavia, fin da subito troviamo che i calvinisti respingono quest’idea. Interpretano il mondo (kosmos) come il mondo degli eletti, e quindi prendono Giovanni 3:16 e insegnano che Dio ama solo gli eletti. Ma questa interpretazione non ha basi nel Vangelo, nelle Epistole o nell’Apocalisse di Giovanni che usano kosmos 106 volte in 79 versetti e mai una volta significa «individui che Dio ha predestinato al cielo». Piuttosto, kosmos può significare la somma totale delle cose create (Giovanni 1:3), l’ordine mondiale (che è ostile a Dio, Giovanni 1:9,10) o l’umanità in generale; ed è ciò che significa qui (cfr. 3,19). I cristiani che promuovono la Grazia Gratuita affermano senza esitazione che Dio ama tutta l’umanità. Non è sempre contento di tutti o approva il modo in cui vivono, ma non c’è dubbio che Dio ama tutti nel mondo, non importa chi siano, cosa credano o cosa abbiano fatto.

2. Un’azione divina

Il Signore ci parla dell’atto d’amore di Dio che lo ha motivato a dare il suo Figlio unigenito, Gesù. Per quale motivo fu dato Gesù? Mentre tutti i cristiani sanno che è stato dato perché morisse sulla croce come espiazione per i peccati, non tutti sono però d’accordo sul per chi sia morto Gesù.

La maggior parte dei calvinisti nega che Gesù sia morto per i peccati del mondo, ragionando che poiché Dio ama solo gli eletti, questi sono le uniche persone per cui Gesù sia morto. Si tratta de la famosa dottrina dell’Espiazione Limitata. I calvinisti moderati (3 e 4 punti) sono disposti a vivere con la contraddizione di credere che Dio abbia eletto solo alcuni alla salvezza, ma abbia mandato Cristo a morire per tutti.

Al contrario, la teologia della Grazia Gratuita afferma che Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito affinché morisse per il mondo. La morte di Gesù era destinata a tutta l’umanità. L’espiazione è universale come l’amore di Dio.

3. Ad una condizione

Il Signore Gesù ci parla di una condizione che deve essere soddisfatta: chiunque crede in Lui. Tutto ciò che Gesù richiede è di credere nella sua promessa. Siamo tutti liberi di venire a Lui con fede. Quest’enfasi sulla semplice fede è controversa tra i cristiani, perché non tutti sono d’accordo sulla natura della fede.

Gesù dice che è la sola fede ad essere necessaria per la salvezza eterna. Ci sono molti calvinisti e arminiani che sarebbero d’accordo, almeno in superficie. Insegnano pubblicamente che siamo giustificati dalla fede al di là delle nostre opere. Tuttavia, quando chiedi loro cos’è la fede, la ridefiniscono in modo da includere le opere. Ad esempio, spesso si sentono predicatori dire qualcosa del genere:

«Non puoi essere salvato facendo delle buone opere. Devi credere in Gesù. Naturalmente, se credi davvero, farai delle buone opere. Se non ti stai allontanando dai tuoi peccati e non stai cambiando la tua vita, in realtà non ci credi. Siamo salvati dalla sola fede ma mai da una fede che viene da sola.»

Non bisogna lasciarsi ingannare. Questa è una forma di salvezza per opere.

Per capire perché, basta immaginare i Giudaizzanti mettere in atto quello stesso ragionamento con Paolo. Sostenevano che i cristiani non potevano essere salvati senza essere circoncisi (Atti 15: 1). Paolo li accusò di compromettere la giustificazione e di abbandonare il Vangelo. Che reazione avrebbe avuto Paolo se i Giudaizzanti gli avessero risposto:

«Oh Paolo, siamo assolutamente d’accordo che la salvezza non è per fede e circoncisione. Non è quello che stiamo dicendo. Stiamo dicendo che la salvezza è mediante una fede che circoncide. Siamo salvati dalla sola fede, è vero, ma se non ci circoncidiamo, non ci crediamo davvero.»

Paolo avrebbe respinto tale sofisma e così pure i cristiani della Grazia Gratuita. Non c’è alcuna differenza tra insegnare che la salvezza è per fede più le opere e insegnare che la salvezza è per mezzo di una fede che opera. Entrambi rendono le opere una condizione necessaria alla salvezza ed entrambe sono contrarie alla libertà della promessa evangelica.

La linea di fondo è che la fede è fede e le opere sono opere. Quindi, secondo Giovanni 3:16, Gesù richiede fede, non comportamento.

Ma per quanto riguarda le opere? Hanno un ruolo importante da svolgere nell’aiutare il prossimo, e nella crescita, maturità e per ricevere ricompensa nel Regno che viene. Ma la vita eterna e le ricompense eterne sono due questioni separate. I premi vengono guadagnati (Ap 22:12), mentre la vita eterna è un dono, ricevuto dalla fede indipendentemente dalle opere (Ef 2:8-9).

4. La conseguenza

Il Signore parla della meravigliosa conseguenza di credere in Gesù. Giovanni 3:16 promette che i credenti hanno la vita eterna. Non lo capiremo in futuro. Non dobbiamo guadagnarlo o conservarlo. L’abbiamo adesso. La vita eterna è un possesso attuale. Proprio come gli israeliti furono guariti nel momento in cui videro il serpente di bronzo (Giovanni 3: 14-15), noi abbiamo la vita eterna nel momento in cui crediamo in Gesù per questo.

I calvinisti e gli arminiani in genere non credono che la vita eterna sia un possesso attuale. Invece, parlano di qualcosa chiamano “salvezza finale”. Diranno che la salvezza che abbiamo è provvisoria, temporanea e può essere persa. Oppure diranno che non possiamo essere sicuri di essere veramente salvati fino a quando non verrà quello che chiamano “giudizio finale”. Non riescono a riconoscere che quando qualcuno crede in Cristo per la vita eterna, non è più soggetto al Giudizio del Grande Trono Bianco (Giovanni 5:24). Saranno premiati (o meno) per le loro opere al Bema (2 Cor 5:10), ma non saranno riuniti con le nazioni non credenti per determinare il loro destino eterno (Ap 20, 11-15).

Altri concorderebbero vivamente che la vita eterna è un possesso attuale. La differenza è che non hanno familiarità con il linguaggio della vita eterna di Giovanni. Normalmente pensano in termini di linguaggio giustificativo di Paolo.

I cristiani della Grazia Gratuita concordano sul fatto che predicare la giustificazione forense sia essenziale ovunque le persone credano di poter essere salvate dalle opere. Tuttavia, la giustificazione forense è solo un aspetto della salvezza eterna. Dio vuole fare di più che dichiararci “non colpevoli”. Vuole adottarci come figli e figlie (Giovanni 1:12), darci una nuova nascita (Giovanni 3: 3), farci nuove creazioni (2 Cor 5:17) e permetterci di diventare partecipi della natura divina (2 Pietro 1: 4). La giustificazione non cattura quell’immagine completa e non è mai stata pensata per questo scopo. Ma raggiunge questo obiettivo il semplice linguaggio della vita eterna di Giovanni. Inoltre, mentre i meccanismi della giustificazione possono essere abbastanza complicati, l’idea della vita eterna è abbastanza facile da comprendere per un bambino. Quindi, la Grazia Gratuita tende a preferire la lingua di Giovanni della vita eterna quando si fa l’evangelizzazione.

5. Una garanzia

Infine, in Giovanni 3:16, Gesù offre ai credenti una meravigliosa garanzia. Non solo viene data loro la vita eterna come un possesso attuale, ma Gesù promette anche che non periremo mai da allora in poi. Si noti che non dice, “probabilmente non periranno” o “speriamo che non periscano”. Gesù garantisce la nostra sicurezza eterna. Questa è la famosa dottrina del “una volta salvato sempre salvato”.

Contro questo semplice insegnamento, gli arminiani affermano che i credenti possono morire, commettendo un grave peccato o smettendo di credere. Puoi avere la salvezza un giorno e perderla il giorno successivo. Ma se fosse vero, allora Gesù non avrebbe dovuto fare alcuna promessa sul fatto che i credenti non muoiono.

Nemmeno i calvinisti credono alla promessa di Gesù di una sicurezza eterna. Ciò in cui credono veramente è la perseveranza degli eletti, che non è affatto la stessa cosa. Pensano che tutti coloro che Dio ha predestinato in cielo ci andranno perché è quello che Dio ha scelto sovranamente di fare, e non esiste alcun potere sulla Terra che possa contrastare la Sua volontà. Tuttavia, la semplice convinzione non è segno del fatto che si è tra gli eletti poiché è possibile per una persona reproba credere in Gesù per un po’ e smettere di credere in seguito, dimostrando che non era mai stata eletta in primo luogo. Questo crea un terribile dilemma per il calvinista. Come può sapere di essere uno degli eletti? Non per fede. Il risultato è una mancanza di sicurezza. Ad esempio, questo ha dimostrato di essere un problema ricorrente nella chiesa del calvinista John Piper:

“Mi ritrovo a intervenire su questo punto molto spesso, probabilmente, anche nelle persone a cui sto predicando. Paure e dubbi…non sul tema “È risorto dai morti” – pochissime persone lottano con questo dubbio- ma “Sono dentro? Sono salvato? Questo è il dubbio con cui le persone lottano di più.

(Vedi “Justification and the Diminishing Work of Christ”)

Dal momento che il calvinista non sa se è eletto e non può guardare alla sua fede per prove (dal momento che potrebbe cadere in futuro), la sua unica risorsa sarà quella di guardare alle sue opere per sicurezza. Seguendo i puritani, cercherà segni dell’opera dello Spirito nella sua vita per accertare se è eletto. Ma questa ricerca introspettiva non può che fallire. Per ogni buon’opera che potrebbe usare come prova della sua elezione, il calvinista troverà altrettanti peccati che gli suggeriscono di riprovare, lasciandolo con fastidiosi dubbi. Almeno, questa è stata l’esperienza di Piper:

“poiché pecco contro mia moglie all’età di sessantadue anni nello stesso modo in cui lo facevo a quarantadue anni, a volte mi fa dubitare della mia salvezza”

(Vedi “Why God is Not a Megalomaniac in Demanding to be Worshipped“)

Al contrario, la Grazia Gratuita prende Giovanni 3:16 per quello che dice e afferma la promessa di Gesù di una sicurezza eterna. Nel momento in cui credi in Gesù per la vita eterna, ce l’hai e sei eternamente sicuro in seguito. Come dice Gesù, i credenti non periranno mai.

Tuttavia, alcuni pensano che la sicurezza della promessa richieda una fede continua. I credenti non periranno mai, ma nel momento in cui qualcuno perde la propria fede, perdono anche la vita eterna. Ma questa interpretazione contraddirebbe ciò che Gesù disse alla donna al pozzo. Le assicurò che l’acqua normale l’avrebbe lasciata assetata, non importava quanto bevesse. Ma solo un sorso dalla sua acqua viva (cioè un atto di fede) e non avrebbe avuto più sete (ha l’eterna sicurezza) (Giovanni 4: 10-14).

Gesù ribadì lo stesso punto con Nicodemo. Gli israeliti non furono salvati guardando continuamente al serpente di bronzo. Uno sguardo e furono guariti (Giovanni 3: 14-15; cfr Nu 21: 9).

È lo stesso con la fede. Non hai bisogno di credere ancora e ancora in Gesù per mantenere la tua salvezza. Tutto ciò che serve è un sorso, uno sguardo, un atto di fede, e in quel momento ti rigenererai e avrai la vita eterna per sempre.

Sapere questo è essenziale per il benessere del cristiano, perché la promessa di Gesù di una sicurezza eterna costituisce la base della nostra certezza. Dio non vuole che viviamo in dubbio della nostra salvezza. I credenti possono e dovrebbero sapere di avere la vita eterna e di essere eternamente sicuri. Non è una dottrina avanzata per i credenti maturi, ma una parte fondamentale dell’offerta di salvezza di Gesù, e quindi della fede salvifica.

Conclusione

C’è molto di più in Giovanni 3:16 di quanto sembri. Sebbene molti lo sappiano a memoria, spesso negano apertamente ciò che insegna. O negano che Dio ama tutti gli uomini, o che Gesù sia morto per tutti, o che la semplice fede sia tutto ciò che Dio richiede da noi per essere salvati, o che la vita eterna sia un possesso attuale, o che i credenti sono eternamente sicuri.

La Grazia Gratuita afferma ognuna di queste preziose verità.

Ho aperto suggerendo che molti credono nella Grazia Gratuita senza saperlo. Forse questo descrive voi e la vostra chiesa. Senza dubbio avrete molte domande e obiezioni e versi particolari che devono essere spiegati. Se volete saperne di più sulla teologia della Grazia Gratuita, contattateci pure. Esiste un movimento mondiale tra gli evangelici che cercano di ripristinare la radicale libertà della promessa evangelica di vita eterna attraverso la fede in Gesù. Ci aiuterete a diffondere il messaggio della Grazia Gratuita di Dio in Cristo?

Tradotto e adattato da "Free Grace for Baptists" by Shawn Lazar.