È per grazia che siete stati salvati, mediante la fede

Series: Perché il mondo odia Israele?

Questa serie di articoli, intitolata Perché il mondo odia Israele?, è traduzione e adattamento autorizzato dell’articolo Why the World loves to Hate Israel, di Chris Suitt.

Perché il mondo odia Israele? — Il popolo del Re legittimo

Nella parte precedente eravamo rimasti al duplice problema del peccato e del principe illegittimo, Satana.

Dio fornirà la soluzione e in un solo colpo: si farà uomo e riuscirà in quello che l’uomo non aveva potuto e non poteva fare, sconfiggere cioè Satana.

L’obiettivo di questa serie non è quello di analizzare in dettaglio questo mistero, ma è necessario sottolineare un punto: il bambino che sarà chiamato Dio onnipotente dovrà venire alla luce come essere umano, e pertanto dovrà nascere sulla terra e da madre umana. Ciò significa che sarà necessaria una persona reale che farà da madre al Messia, permettendogli così di nascere uomo. Tale persona dovrà quindi necessariamente appartenere a un popolo e provenire da un paese specifico della terra.

Logica vuole, pertanto, che se Satana riesce ad evitare che tale famiglia si formi, o la distrugge una volta che si è formata, vince la sua battaglia: il Re scelto da Dio non può conquistare il trono e Satana rimane in carica sul pianeta.

Tenendo questo ben presente, analizziamo le Scritture per vedere se questo concetto è biblico o semplicemente un’affascinante idea.

Perché il mondo odia Israele? — Quadro generale

Prima di poter rispondere alla domanda «Perché il mondo odia Israele?» è necessario avere una prospettiva più ampia, che vada oltre Israele stesso. La Bibbia inizia con il libro della Genesi, dove Satana, un cherubino, è presentato come un avversario di Dio già dal terzo capitolo. La ribellione contro Dio inizia nei cieli e colpisce il nostro pianeta dal primo all’ultimo libro della Bibbia (Isaia 14:12-15; Apocalisse 12:3-17; 20:7-15).

C’è dunque una guerra in corso su questo pianeta tra forze invisibili a occhio nudo, ma che possono essere viste attraverso gli eventi e le azioni che esse causano. In altre parole, l’odio, le spiegazioni illogiche, i punti di vista ipocriti riguardo le azioni di Israele, sono tutte questioni spirituali che non verranno risolte finché il Messia non verrà a regnare sulla Terra.

È importante tenere presente che Dio crea l’uomo, Adamo ed Eva, per assoggettare e dominare il pianeta (Genesi 1:28). Adamo era responsabile di esercitare tale dominio insieme con Eva. Tuttavia, ingannando Eva e portandola a peccare insieme ad Adamo, Satana rimuove l’uomo dalla sua posizione, introducendo il peccato nella creazione di Dio e assumendo dominio sul pianeta, difatti aggravando ancor di più il suo stato di ribellione. Satana diventa il principe di questo mondo (Efesini 2:2). Questa non è una coincidenza, poiché quando Gesù era nel deserto fu tentato da Satana con un’offerta: Satana gli avrebbe dato tutti i regni del mondo se Gesù si fosse inginocchiato ad adorarlo (Matteo 4:1-11). Affinché questa tentazione fosse reale come le nostre (Ebrei 4:15), l’offerta di Satana doveva essere altrettanto reale. Ovvero, Satana doveva avere una reale autorità, o appunto dominio, sul pianeta.

Perché il mondo odia Israele? — Introduzione

Mio fratello e io non amiamo andare in tour organizzati; ci piace affittare un auto e vedere ciò che riusciamo. Durante la mia prima volta in Israele volevo vedere l’intero paese, perché pensavo che non ci sarei più tornato. E quindi partimmo, facendo oltre 2400 chilometri in macchina! Andammo a Eliat, la parte più a sud di Israele, viaggiando lungo la costa occidentale all’andata e attraverso la Valle del Giordano al ritorno, fino ad arrivare alle due punte settentrionali: Rosh Hanikra e Metula. Mentre eravamo a Metula, ci incamminammo in un meleto e arrivammo a un cancello lungo il confine col Libano meridionale, usato dall’esercito israeliano per andare e tornare: all’epoca Israele aveva ancora controllo di quella parte del territorio libanese.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén